.RU
Карта сайта

CICCILLO: Sì, quanto site bona, io ve ringrazio assaje assaje - Volume secondo Tre pecore viziose

CICCILLO

: Sì, quanto site bona, io ve ringrazio assaje assaje.

MARIETTA

: Io faciarrie de cchiù, ma me metto paura che non se n’addone papà.

CICCILLO

: Non avite appaura che io le cose le saccio fà.

MARIETTA

: Si papà l’appura, ccà se revota la casa.

CICCILLO

: Lo capisco; ma alla fine na vota l’ha da sapé.

MARIETTA

: Chesto ccà me lo veco io, non ce penzà, vattenne.

CICCILLO

: Va buono, io me ne vaco e quanno è l’ora de mangià, che sta cammera resta oscura, io vengo zitto, zitto... oh! Quanto ve voglio bene. (Le bacia la mano.) Stateve bene.

MARIETTA

: Statte buono. (Ciccillo via.) Non voglia maje lo cielo e lo sapesse papà! (Entra prima porta dritta.)

FELICE

(facendosi avanti): Oh! Che ho inteso, s’hanno dato l’appuntamento dinto a sta cammera all’oscuro. Ah! Povero Liborio, povero amico mio! Lo vi ccà lu guaio che ha passato Liborio! Ma sto io ccà, io salverò, io lo salverò. (Corre per la porta del fondo e trovando Liborio di faccia gli salta addosso.)

LIBORIO

: Guè! (Lo porta a proscenio.) E che facimmo li gioche?

FELICE

: No, io stavo venendo da voi e vi ho trovato di faccia.

LIBORIO

: E me zumpe ncuollo? Feliciè lo pranzo è pronto, t’aggio fatto fà certe brasciole, proprio a licchetto, te voglio fà alliccà li deta...

FELICE

: (E si vide che brasciole t’hanno combinato ccà!).

LIBORIO

(chiama): Angiolina, Marietta?


SCENA QUINDICESIMA

Angiolina, Marietta e detti poi Pasquale indi Ciccillo infine Liborio.

ANGIOLINA

: Libò che buò?

LIBORIO

: Jammo a mangià che lo pranzo è pronto.

ANGIOLINA

: E ghiammo jà.

LIBORIO

: Feliciè jammo.

FELICE

: Andate avanti che adesso vengo, aggio da piglià na cosa dinto a la cammera mia.

LIBORIO

: E ghiammo a mangià pò se ne parla.

ANGIOLINA

: Sì, sì, venite.

FELICE

: Vi ho detto andate avanti e andate avanti. (Alterato.)

LIBORIO

: Allora abbiammece nuje. Vieni presto.

ANGIOLINA

: Noi vi aspettiamo, con permesso. (Via con Liborio.)

MARIETTA

: Con permesso. (Via.)

FELICE

: Serviteve, sorella mia, all’arma de la sorella! Guardate che ingenuità, guardate che cosa sono le donne! Che franchezza! Che impostura! Ingannare suo padre, disonorare la sua famiglia. Povero Liborio! Ma per fortuna sto io qua per salvarlo e lo salvero! (Corre di nuovo pel fondo e incontra Pasquale di faccia.) (Mo jevo mbraccio a chisto mò!) Che cosa volete?

PASQUALE

: So’ venuto a stutà la luce. Llà lo pranzo è pronto.

FELICE

: Embè stutate la luce e ghiatevenne, io mò vengo.

PASQUALE

: E pò restate all’oscuro?

FELICE

: Non fa niente, io so’ comme a li gatte nce veco pure all’oscuro.

PASQUALE

: Quanno volite accossì. (Smorza la luce e via, la scena resta all’oscuro.)

FELICE

: Oh! Mò non nce veco mò! ma non me ne importa. Sto pensanno na cosa, chillo mò stanno assettate tutte a tavola, la figlia non vedennome pure a me a tavola, non vene ccà, ma non fa niente, è l’accordatore che io voglio dinto a sti mane. 2014-07-19 18:44
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • © sanaalar.ru
    Образовательные документы для студентов.