.RU
Карта сайта

Premessa

L’E

quipaggio di Deep Space 16 Γ



in



Giochi pericolosi

AUTORI / PERSONAGGI



Ufficiale in Comando - Capitano Sherja T’Jael Spini



(Martina Tognon)



Primo Ufficiale - Comandante Steve “Shade” McCain



(Giuseppe Montanari)


Capo OPS - Tenente Comandante Chandra Livingston



(Chiara Eisel)



Capo Ingegnere - Tenente Comandante Shivhek



(Riccardo Castagna)



Primo Ufficiale Scientifico - Tenente Khish Chelak



(Emanuele Oriano)



Consigliere - Tenente Shanja Xar



(Sara Rinaldo)



Ambasciatrice Federale - T’Lani



(Elena Fuccelli)



Ambasciatore Plenipotenziario Romulano - Lamak



(Enrico Malavasi)



Ambasciatore Plenipotenziario Klingon - P’Sat K’ooD



(Vincenzo Russo)



SPECIAL GUEST STAR



Tenente Morgan J. Grant - Ex Capo Sicurezza



SOMMARIO










Premessa


Deep Space 16 Gamma è una stazione spaziale federale, trasportata al di là del wormhole bajoriano per costituire una testa di ponte/ambasciata/stazione scientifica nel Quadrante Gamma.

Fondamentalmente è isolata in “terra straniera”, circondata da forze sostanzialmente ostili, ma protetta da un trattato tra le potenze del Quadrante Alfa e del Quadrante Beta (FPU, Klingon e Romulani) da una parte e Dominio dall’altra.

Deep Space 16 Gamma è una specie di controparte di Deep Space 9, ma con una serie di problemi abbastanza diversi.

Attualmente alla Stazione sono state assegnate, a scopo di difesa ravvicinata, due navi da guerra. Una nave federale, la USS Fearless, di classe Defiant ed un falco romulano l’IRS T’Met di classe Norexan.

Piccoli contingenti alleati (FPU, Klingon, Romulani e Cardassiani) sono a bordo della Stazione, fondamentalmente per proteggere i rispettivi rappresentanti (Ambasciatori per le potenze maggiori ed un Osservatore del Governo Cardassiano).


[5.01 - Shivhek - Caleidoscopio d’inganni]


Prologo



Ferenginar - Torre del Commercio



“Buongiorno Klag! Che fantastica giornata! Questo glebbening mi mette veramente di buon umore! E poi… - sorrise mostrando i denti aguzzi - …e poi sapessi che notizia ho appreso…” la stridula risata di Sherp riecheggiò per la vuota anticamera dell’Ufficio Registro Introiti.

“Cos’avrai tanto da essere allegro io non lo so, fratello! Lo sai bene che i nostri profitti sull’estrazione di pergium stanno calando a vista d’occhio e se continua così…”

Sherp tirò a sé Klag e disse sottovoce “Lascia stare il pergium. Lascia stare questi stupidi spiccioli di diritti estrattivi minerari, fratello! Seguimi e vedrai che tra poco saremo più ricchi del proprietario della Slug-o-cola.”

“Fratello, tu sei pazzo! Hai fatto controllare i tuoi lobi recentemente?”

“I miei lobi funzionano benissimo. BE-NIS-SI-MO! - Sherp si prese una pausa per prendere fiato, anche se l’eccitazione era tanto grande da farlo quasi ansimare - Seguimi!” e lo trascinò fuori dalla stanza con una veemenza di cui Klag non gli aveva mai fatto credito.

“Ma… ma perdiamo due barre di latinum se non registriamo i diritti di…”

“Fratello idiota! - sibilò Sherp - Tra un paio di mesi potrai costruirti una casa tutta in latinum!”

Appena usciti si recarono al più vicino spazioporto.

Il cargo di Sherp era già pronto al decollo.

“Ma insomma, - si lamentò Klag con voce piagnucolosa - dove diavolo mi vuoi portare? E chi è questo tizio dentro la nostra nave?”

“È LA MIA NAVE! Sta’ zitto stupido e mettiti ai comandi.”

“Ma… ma la rotta?”

“Tu parti, - disse la figura umanoide in penombra - dirigiti verso questo punto qui.” indicando un punto di spazio aperto nella Zona Neutrale sulla mappa stellare.

“Ma… ma è il pianeta Nelvana…”

“Hai qualche problema, ferengi?” tuonò la figura umanoide in penombra.

“Affatto… affatto…”

La nave ferengi partì di scatto lasciandosi alle spalle le volute elettromagnetiche della propulsione a curvatura.

Pianeta Nelvana - Sistema Alpha Mensae - 24 aprile 2385 - Ore 20:00



“Allora fratello, vuoi spiegarmi finalmente? Mi hai fatto abbandonare Ferenginar in fretta e furia… E poi questo tizio…”

“Lui è il Dottor Sailok, un genetista, fratello. Diciamo che Sailok ha avuto qualche problemino con l’Impero Romulano, cose di poco conto… Ha effettuato delle ricerche e degli esperimenti su Remus, ma l’Impero Romulano non ha gradito che Sailok abbia usato i risultati delle sue ricerche per rafforzare la fazione separatista di Remus.”

“Continuo a non capire, fratello… e poi questo Sailok non ha una lingua? Non parla?”

Il romulano dalla corporatura stranamente massiccia prese il bavero di Klag con una mano e lo sollevò da terra.

“Zitto ed ascolta, nanerottolo. Tu sei qui perché tuo fratello dice che potrai essere utile, ma se continui con questo tuo atteggiamento potrei usarti come cavia.”

“No, no Dottor Sailok, - disse Sherp con tono mellifluo ed accondiscendente - mio fratello Klag non farà altre domande ed ascolterà soltanto, vero fratello?”

Il ferengi spaventato mosse la testa per assentire ed il romulano lo lasciò cadere con un tonfo.

“Beh… allora dicevo?… Ah ecco… il Dottor Sailok è stato costretto a lasciare il suo laboratorio su Remus ed a sviluppare le sue ricerche genetiche su Nelvana. Non sto a spiegarti come, ma nell’intento di creare dei supersoldati, degli esseri geneticamente manipolati, ha creato dei combattenti mooolto efficienti, una specie di rettiloidi che si chiamano Kroan.”

Klag guardava suo fratello ed il romulano ancora titubante, mentre Sherp si era preso un attimo di pausa dissetandosi con una bottiglia di Slug-o-cola.

Il romulano invece si guardava intorno tenendo sotto controllo gli strumenti di bordo, forse per il timore che qualcuno li inseguisse.

“Questi combattenti - proseguì Sherp pulendosi la bocca con la manica del suo vestito - sono dei veri e propri flagelli della natura. Nemmeno una squadra di Jem’Hadar potrebbe tener testa ad uno solo di loro…”

“Ho capito. A chi vorresti venderli, fratello? E quanto possiamo guadagnarci?”

“Oh Bene! Ora riconosco il mio avido fratellino.”

Le risate argentine dei ferengi riecheggiarono nell’abitacolo del cargo spaziale.

“Caro fratellino Klag, il Dottor Sailok qualche tempo fa, fuggendo da Remus aveva bisogno di fondi ed iniziò a vendere i risultati delle sue ricerche. Alcune sue creazioni, cioè i rettiloidi Kroan, arrivarono come merce campione ad un mercante di una popolazione insettoide del Quadrante Gamma, gli Esseni. Beh, io non so a cosa gli servano questi Kroan ma mi basta sapere che gli Esseni sono disposti a pagare i Kroan a peso di latinum.”

“E quanto pesa un Kroan, fratello?”

“Più di un bestione klingon armato fino ai denti!”

Le risate lubriche dei fratelli ferengi riempirono l’abitacolo della nave mentre il romulano, dal cui viso appariva una smorfia di disgusto rivolta ai suoi compagni di viaggio, tornò a rimuginare sulla sua scelta di affidarsi a quei due ferengi per il trasporto della sua preziosa merce, ma al momento non vedeva soluzione migliore.

Pianeta Romulus - Uffici del dicastero diplomatico



Marcus Sextus, decano dei diplomatici romulani era nervoso.

Le reazioni agli avvenimenti della postazione federale Deep Space 16 Gamma lo preoccupavano non poco.

La morte di un’agente della Tal’Shiar aveva avuto poi lo strano effetto di renderlo più taciturno del solito; inoltre il Pretore lo aveva convocato d’urgenza ad una riunione ristretta del Senato Superiore per riferire sull’operato della Legazione. Era stato proprio Marcus Sextus in passato ad aver insistito col Pretore ad affidare la legazione su DS16 Gamma a Lamak ed ora la situazione sotto il profilo della politica interna di Romulus stava degenerando.

Mentalmente stava ripassando i termini del suo discorso, ponendo molta attenzione ad ogni parola. Sapeva benissimo che anche lui era sicuramente sotto controllo della Tal’Shiar e scoprire le sue carte in quel momento, anche rileggendo il suo discorso, poteva essere controproducente.

* La reputazione della mia famiglia, otto generazioni di diplomatici, è solo nelle mie mani… Cosa diceva sempre mio padre… Il primo passo per evitare una trappola è riconoscerla, il secondo fare in modo che qualcuno cada nella trappola al tuo posto… Lamak… io avevo fiducia in te, ma ora per salvare me, la mia reputazione e la mia famiglia dalla possibile vendetta della Tal’Shiar devo purtroppo richiamarti in patria. Sicuramente è questo che la Tal’Shiar si aspetta che faccia. Bene! Accontentiamoli! *

^ Tyvar? ^

L’Attendente nell’ufficio a fianco rispose subito.

^ Ai suoi ordini, Eccellenza. ^

^ Dispaccio diplomatico urgente. Richiami Lamak su Romulus. Priorità 1. ^

Silenzio.

^ Tyvar? Mi ha sentito? ^

^ Sì Eccellenza….^

^ Allora si sbrighi Tyvar. E dica al capo della mia scorta che tutte le licenze sono annullate. ^

^ Provvedo subito Eccellenza! ^

* Lamak, oh Lamak… Le mie più grandi speranze erano riposte in te… Se la Tal’Shiar vorrà un capro espiatorio… beh, per quanto affetto abbia riposto in te, quel capro non sarò di certo io… *

Sistema Alpha Mensae - In orbita intorno al pianeta Nelvana



“Bene. Ci siamo, - disse Sailok - ora digito il codice di sicurezza e ci teletrasporteremo nei miei laboratori. Mi raccomando ferengi. Se toccate qualcosa senza il mio permesso vi giuro che non potrete raccontarlo.”

“Ehi… ma siamo soci, no? - rispose Sherp - Come potremmo tradire la fiducia di chi ci garantisce lauti guadagni?”

L’orrido sorriso dai denti aguzzi e sporgenti di Sherp non fece altro che rendere più evidente la smorfia di Sailok che non poté che pensare di nuovo alla sua scelta di affidarsi a quei due.

* Tu provaci, Ferengi. Se lo farai giuro che non vivrai abbastanza per vantartene. *

I tre vennero smaterializzati dal teletrasporto della nave.

Un minuto dopo su un satellite artificiale in orbita su Nelvana



“Questa è la mia base - disse Sailok - opportunamente occultata.”

“Vuoi dire che hai un dispositivo di occultamento?”

* Che razza di idioti questi ferengi! * pensò prima di continuare a voce alta.

“No, solo che il satellite è proprio sulla traiettoria delle linee di forza del campo magnetico del pianeta ed in corrispondenza di uno dei due poli magnetici. Ma a voi ferengi non credo che le spiegazioni scientifiche interessino… piuttosto parliamo seriamente di affari.”

“Ehi fratello… ma quelle sono bombe! Qui dentro c’è un arsenale.” disse Klag.

“No, non sono bombe, Ferengi! - rispose il romulano - Anche se tu hai un occhio allenato per riconoscere le armi. Quei contenitori sono a base di litio-metacobalto. Su Remus viene usato per fabbricare ordigni di notevole potenza ma a me serve per contenere in stasi i Kroan.”

Sailok introdusse i due ferengi in una stanza che fungeva da una sorta di studio e li fece accomodare e porse loro una memoria.

“Su questa memoria ci sono tutti i dati che dovete sapere. Studiateli per bene perché una volta aperto il file i dati e la memoria si distruggeranno. Ogni tentativo di fare una copia o di manipolare i dati non farà altro che innescare il processo di autodistruzione della memoria. Sudiate per bene, riposatevi per una nottata e domani ripartite con il carico.”

Poco dopo che i ferengi si ritirarono Sailok attivò una comunicazione subspaziale.

L’umanoide dall’altra parte dello schermo non tardò a rispondere.

^ Finalmente ti sei fatto vivo. Hai novità per me? ^

^ Buone nuove. Stavolta mi sono affidato a dei veri professionisti dei traffici commerciali… riceverai tutte le informazioni attraverso i soliti canali. ^

Sailok spinse un tasto nella sua consolle per inviare i dati.

^ Eccellente! Farò in modo che abbiano i dovuti appoggi su Deep Space 16 Gamma. ^

^ Dovrai fare di più. Te ne occuperai tu di persona. Andrai su Deep Space 16 Gamma. ^

^ Ma veramente io… ^

^ Non voglio che se ne occupi nessun galoppino. Voglio un professionista e voglio te su quella stazione, ma solo dopo che ti sarai assicurato del silenzio di Rain e della sua ciurma. Io nel frattempo farò in modo che i nostri amici insettoidi sappiano che saranno presto riforniti della loro preziosa merce. ^

^ Aspetta… vedo che ti sei affidato ai ferengi… ^

^ Esatto. Nessuna specie telepatica potrà sondare le loro menti e loro sono dei professionisti nel commercio. ^

^ Ma possono rivelarsi pericolosi… potrebbero ricattarci meglio di qualunque altro e… ^

^ Se ci proveranno li sistemeremo. Per ora è importante capire come agiranno. Poi, una volta capiti i loro metodi potremo anche fare a meno di loro. ^

^ Bene! Jolan Tru. ^

^ Jolan Tru a te. ^

Pianeta Essen



Ap-yar - Capitale della Repubblica Essena - Palazzo del Governo



“La Grande Crisalide è con noi. La Grande Crisalide è con noi!”

Il frinire eccitato di Lepis, capo della Gendarmeria, proruppe come un tuono a ciel sereno nella stanza del Primo Ministro.

“Eccellenza, buone notizie! Entro un mese avremo nuovamente i Kroan.”

“Sei sicuro Lepis? “

“Certo guardi qui Eccellenza…”

Beemen, il Primo Ministro che era succeduto a Parmen, ruotò le sue antenne verso il visore. Lesse e schioccò le mandibole.

“Oh Grande Crisalide! Grazie!! Grazie!!! Lo sai cosa vuol dire Lepis? Che finalmente smetteranno tutti gli scontri e le rivolte popolari sul nostro pianeta! Potremo finalmente revocare la legge marziale e guardare con fiducia alla pace sociale!”

“Partiamo subito Eccellenza?”

“Non fare gli errori della passata gestione politica, Lepis. Noi ci muoveremo non appena avremo notizia che il nostro carico arriverà nel Quadrante Gamma. Stavolta dovremo servirci di qualcun altro visto che non potremo agire direttamente sulla base spaziale di quegli esseri mollicci grazie alla stupidità di Parmen.”

“Che Parmen sia maledetto dalla Grande Crisalide! - frinì Lepis. Poi sollevandosi dalla posizione di riposo che aveva assunto con le zampe posteriori disse - Ma Eccellenza, di chi possiamo servirci come basista sulla postazione umanoide? La nostra politica interplanetaria è sempre stata isolazionista…”

“Ecco perché io sono un politico e tu un militare. Politicamente tu non riesci a vedere oltre le tue antenne…”

“Eccellenza ma…”

“Non è un biasimo, mio caro Lepis, solo che tu sei un ottimo militare ma uno scarso politico. Lascia questo compito a me. Avrai anche tu il tuo momento di gloria e ripagherò il tuo appoggio per la mia elezione.”

2014-07-19 18:44
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • © sanaalar.ru
    Образовательные документы для студентов.