.RU
Карта сайта

Più eventi collaterali in altri luoghi e in altre date - старонка 5


Sferico

artista a tutto tondo, architetto di formazione e segnato da una precoce dedizione all'arte come missione, a 14 anni scolpisce "Famiglia" e pittura il suo primo dipinto di pittura filosofica "…da Dio" del periodo i suoi scritti raccolti nel libro, scatola nera "Sketchblock". Ancora adolescente passa
le vacanze a lavorare negli scavi archeologici in Israele ed Egitto.
Nei sei anni d'architettura passa le notti a dipingere e scolpire, conclusi gli studi si iscrive all'accademia di Düsseldorf, Accademia privata di Milano e infine Venezia.
Parte per avventurosi viaggi in autostop passando settimane a studiare la materia viva della storia dentro i musei, comincia una vera e propria odissea di avventure e sventure, che la compagna Melanie Moore ha ritratto nei romanzi "Luna di carne" (Parigi) "Giorni di Sabbia" (Israele) "Adrenalina" (Los Angeles) e "Angeli d'asfalto".
Approda a Parigi, dove fa una dura gavetta che lo porta alle prime esposizioni collettive al Grand Palais, nelle gallerie (Galerie Vendome, Galerie du Palays Royale) poi i musei (Museo d'arte contemporanea di Mosca, Tretjakov) e la Biennale di scultura della città di Parigi.Esce il volume "Lo Sferismo" presentato dal premio Nobel Sir Jhon Eccles dove Sferico espone i concetti sperimentati sulla forma rotonda e i principi della sua corrente artistica e pensiero.
Collabora con riviste e giornali con i suoi racconti surreali tradotti in inglese. Sferico ha esposto negli Emirati Arabi, gli eventi sono stati patrocinati dal Emiro e Ministro dell'Educazione e Ricerca Scientifica Nahayan Mabarak Al Nahayan. Attualmente sta perseguendo un prestigioso progetto, malgrado la carenza di mezzi, con le sue statue in grandi dimensioni nelle cave di marmo del Vietnam. (sito: www.sferico.com)Libri pubblicati: "La dinamite degli angeli" Disegni, 300 pag."Lo Sferismo" Melanie Moore, Tranchida Editore, Milano, italiano-inglese, 200 pag."Battuta di caccia" Bestseller, Easy Book, collana humour, 160 pag."Sketchblock" Easy book, scatola nera, 136 pag."Geroglifici del tempo ultimo" Editorial Alliance, italiano-inglese, 145 pag. In uscita: "Sferismo, pittura filosofica"
go to visite the art & culture web sites: www..sferico.com (art & culture); www.spherism.com (philosophy); www.jamesarles.com (pop music). ++41 79 523 19 10/++41 91 943 48 10

Cinasky



Vincenzo Costantino

, chiamato anche Cinaski, nasce a Milano nel 1964. Poeta, narratore ed interprete, libera la poesia dai libri per regalarla al palco e alla voce.

La poesia scritta infatti gli va stretta: ama piuttosto raccontare in prima persona, di fronte ad un pubblico e non ad ipotetici lettori, secondo la migliore tradizione dei trovatori.

Vive a Milano dopo essere sopravvissuto alla periferia.

Dopo collaborazioni con alcune testate giornalistiche e con alcune riviste letterarie underground, nel 1994 c'è l'incontro umano e letterario con Vinicio Capossela che porterà ad una intensa collaborazione. Con Capossela, nel 2009, Cinaski scrive a quattro mani il volume “In clandestinità”.

Nel 2010 pubblica per Marcos y Marcos la sua nuova raccolta di poesia: "Chi è senza peccato non ha un cazzo da raccontare"

Vincenzo Costantino è un uomo fuori moda, un filosofo da marciapiede, libertario anarchico come la sua poesia. Viaggia tra le parole in modo eccentrico, praticando un nomadismo esistenziale che accende bagliori di liricità pura.

Il maledettismo, il ribellismo, il gusto provocatorio emanano la vitalità esuberante di un poeta che dalle incursioni nella quotidianità, anche la più deprecata, lascia emergere immagini di insolita densità espressiva.

Imprime nei versi sensorialità olfattiva, sottrae supponenza ai vocaboli logorati dall'uso, coniuga le proprie malinconie sulla vena dolente dei giorni.

Crede nella scrittura che dà vita, carne, voce, ai sussulti di inquietudine e alle ansie di infinito.

In una felice anarchia compositiva trasmette ondate di disperazione e impennate di ironia.

Emoziona perché quello che vede è quello che vede, il resto è letteratura.

Cinasky presenta il libro



"Chi è senza peccato non ha un cazzo da raccontare"



Si tratta di un dialogo interiore attraverso il quale riesco a rendere pubblici i miei vizi, i miei peccati e a renderli condivisibili per riuscire a fare in modo che la parte oscura della vita di un uomo venga raccontata, che la persona venga raccontata.

Non c'è sempre e solo la parte bella delle persone, a volte la parte brutta, la parte che ha fatto più male a chi l'ha vissuta o vista, la parte viziata da un certo tipo di modalità esistenziale, può essere edificante, illuminante, nel mio caso lo è stata.

Raccontare me attraverso i miei errori e quelli di cui sono stato e sono testimone, è una forma di sdoganamento della bellezza nascosta, dell'amaro che c'è nella dolcezza.

Quasi come a rendere potabile anche il fango.

Non racconto i miei peccati in questo libro, nella vita mi limito a viverli, a trasformarli in parole per fare in modo che mi educhino a compierne sempre di meno ma a compierne sempre per evitare la santificazione e contemporaneamente allontanarmi dalla dannazione praticando la contemplazione.

Mi piace appendermi alle parole e vestire i sogni, anche quelli altrui e attraverso il sostegno delle parole la vestizione rende più sopportabile quello che la vita ti da,la fatica dell'esistenza, il male di vivere quando c'è, sia nel suo aspetto diabetico che in quello digestivo.

L'uomo moderno è un eroe e bisogna esserlo per sopravvivere alla quotidianità, io mi limito a spiare la sua Epica e raccontarla.

La vita nelle sue dinamiche e attraverso i suoi molteplici aspetti non è comprensibile a tutti, attraverso l'osservazione che giorno per giorno faccio camminando per la strada provo a tradurla quando ci riesco, e a renderla più potabile.

La poesia è la cifra di questa potabilità, oggi più che mai.

Francesco Arcuri


qui con Cinasky

http://www.youtube.com/watch?v=fg9Ye13eKEs&feature=related

Musicista della band di Vinicio Capossela, ha al suo attivo numerose collaborazioni con importanti musicisti del panorama musicale italiano.

Il Letterificio



L’associazione studentesca

Il Letterificio

è nata dall’iniziativa di un gruppo di studenti del Master in Lingua, Letteratura e Civiltà italiana dell’Università della Svizzera italiana di Lugano. Il Letterificio si propone di aprire a un più vasto auditorium quei discorsi che sono generalmente considerati appannaggio di pochi specialisti: la letteratura e le arti - in quanto fonti inesauribili di riflessione sul rapporto tra “io” e “mondo” e sugli universali dell’umano - sono una ricchezza condivisibile da tutti. Già nel nome l’associazione mette in luce l’idea del “fare”, che non è soltanto quello pratico delle scienze esatte ma è anche quello sociale, etico e spirituale della letteratura e delle arti: un sapere che agisce ed è espressione di quel laboratorio di giovani studenti che Il Letterificio rappresenta.

Carlo Ossola



Carlo Ossola

, critico letterario italiano (nato a Torino nel 1946); professore di Letteratura italiana nelle università di Ginevra (1976-82), di Padova (1982-88) e di Torino (1988-1999). Dal 2000 è professore al Collège de France, Parigi, cattedra di Letterature moderne dell´Europa neolatina. Co-direttore delle riviste Lettere Italiane e Rivista di Storia e Letteratura Religiosa; socio dell´Accademia dei Lincei dal 1995; membro del Consiglio Scientifico dell´Istituto dell´Enciclopedia Italiana. Dal 2007 Carlo Ossola è direttore dell´Istituto di studi italiani dell´USI, dove insegna Letteratura del Rinascimento e Barocco .

Autore di saggi come Autunno del Rinascimento: idea del tempio dell'arte nell'ultimo Cinquecento (Olschki, 1971), Dal "Cortegiano" all'"Uomo di mondo": storia di un libro e di un modello sociale (Einaudi, 1987), Figurato e rimosso: icone e interni del testo (Il Mulino, 1988) e Il continente interiore: cinquantadue stazioni (Il Mulino, 2010). Con Cesare Segre ha curato un’Antologia della poesia italiana (Einaudi-Gallimard, 1997-1999); ha inoltre curato i due Meridiani di Giuseppe Ungaretti, Vita d’un uomo. Tutte le poesie e Traduzioni poetiche (Mondadori, 2009 e 2010) e introdotto quello dedicato a Giovanni Giudici, I versi della vita (2000).

Licia Maglietta



Licia Maglietta

, attrice italiana, dopo un laurea in Architettura debutta in teatro all'inizio degli anni Ottanta con la compagnia Falso Movimento, poi con Teatri Uniti, laboratorio permanente per la produzione e lo studio dell’arte scenica contemporanea. Anche il suo ingresso al cinema è legato a Teatri Uniti, in quanto debutta, nel ruolo secondario di Emilia, in Morte di un matematico napoletano (1992), opera prima di Martone, che la dirige poi anche in Rasoi (1994), ripresa filmata dello spettacolo omonimo, e in L\'amore molesto (1995). La separazione fra teatro e cinema coincide con il suo incontro con Silvio Soldini, che la sceglie per il ruolo di Elena in Le acrobate (1997), e poi come protagonista di Pane e tulipani (2000), grande successo di critica e di pubblico, premiato con il David di Donatello e il Ciak d'oro come miglior attrice

Nanni Balestrini



Nanni Balestrini

, poeta e romanziere, nato a Milano il 2 luglio 1935, vive attualmente tra Parigi e Roma.
Agli inizi degli anni '60 fa parte dei poeti "Novissimi" e del "Gruppo 63", che riunisce gli scrittori della neoavanguardia.
Nel 1963 compone la prima poesia realizzata con un computer.
E' autore, tra l'altro, del ciclo di poesie della signorina Richmond e di romanzi sulle lotte politiche del '68 e degli anni di piombo come Vogliamo tutto e Gli invisibili.
Ha svolto un ruolo determinante nella nascita delle riviste di cultura "Il Verri", "Quindici", "Alfabeta", "Zoooom".
Attivo anche nel campo delle arti visive, ha esposto in numerose gallerie in Italia e all'estero e nel 1993 alla biennale di Venezia.

http://www.nannibalestrini.it/biografia.htm

Luca Congedo



Luca Congedo

,studia percussioni presso la Musikhochschule della Svizzera Italiana a Lugano diplomandosi sotto la guida dei professori M. Ardeleanu e B.Wulff..

Studia Cymbalom presso il Conservatoire National de Strasburg con il professore L. Gaggero.

L'importante incontro e collaborazione con il compositore Karlheinz Stockhausen lo avvicina allo studio della composizione e dell’elettronica applicata alle percussioni, specializzandosi nel multi-set.

Dalla continua ricerca e collaborazione con artisti, architetti ed ingegneri sviluppa e realizza nuovi strumenti a percussioni chiamati Perscultronìc, ideando musiche per performance, istallazioni e immagini.

È fondatore dello STUDIO U, sede di ricerca sperimentale sull’arte, e la SWISS PERCUSSION SCHOOL entrambi siti in Lugano.

Vincitore di premi internazionali e borse di studio quali “Stipendienpreise Darmstadt”; “Stockhausen preise”.

Svolge un'intensa attività concertistica come percussionista-performer e compositore per differenti Festival,Teatri, Televisioni e Radio effettuando numerose Tournee in Brasile, Russia, Romania, Turchia, Germania, Svizzera, Italia, Ucraina,Indonesia.

Ha collaborato con vari compositori come K.Stockhausen, S.Reich, S.Bussotti, T.Hosokawa, M.Jarrel, A.Curran.

Attualmente insegna Electronic and Midi Percussion presso il Conservatorio della Svizzera Italiana.

Luca Barbieri



Luca Barbieri

, conduce da alcuni anni uno studio sul teatro con particolare riguardo all’espressione vocale. Più recentemente ha indagato e approfondito i temi riconducibili alla pratica della scrittura, alla fenomenologia dell’ascolto e alla [ri]figurazione temporale del racconto.

Intorno al Rumore [anche dell’immagine] ha realizzato, in collaborazione con Francesco Paradiso, ‘Macchine logiche’, opera musicale e fotografica commissionata da Fiera Milano in concomitanza di un’esposizione dedicata alle macchine utensili.

Ha eseguito le parti per voce dell’opera ‘Spazio Veneziano’ di Francesco Paradiso e ‘rincorso’ con quest’ultimo e Giovanni Cospito l’esecuzione di frammenti di Finnegans wake tradotti in italiano da James Joyce stesso.

Ha condotto, unitamente a Gianfelice D’Accolti, la regia di una versione teatrale di ‘Hilarotragoedia’ di Giorgio Manganelli, presentata a Milano e Roma.

Con Luca Congedo ha fondato Dhau, avviando una assidua investigazione afferente l’opera di Ezra Pound, Edoardo Sanguineti, Nanni Balestrini, Sofocle, Giordano Bruno e Samuel Beckett.

Luca Barbieri è giornalista pubblicista e si occupa prevalentemente di diritto del lavoro e della previdenza. Dal 2005 è direttore del Centro Studi del Dipartimento di Diritto del Lavoro di un primario gruppo italiano di servizi di consulenza.

Vive e lavoro a Milano. E’ padre di Giacomo e Giordano.

Gerardo Rigozzi



Direttore della Biblioteca cantonale di Lugano

Gilberto Isella



Gilberto Isella

, poeta e saggista, vive a Lugano. Ha insegnato italiano nel Liceo cantonale di Lugano. È membro di redazione della rivista "Bloc notes" e vicepresidente del Pen Club della Svizzera italiana e retoromancia. Collabora a giornali e riviste letterarie svizzeri ed esteri. Ha pubblicato numerose opere poetiche. Tra le ultime: Corridoio polare (2006), Taglio di mondo (2007), Mappe in controluce (2011) e Variabili spessori (2011). Per il teatro ha scritto Ibridazioni (Teatro Noh'ma, Milano, 2007) e Messer Bianco vuole partire (Studio Teatro Foce Lugano, 2009). Ha tradotto testi poetici di Racine, Dupin e Vargaftig.

Special guest a sorpresa Evghenij Evtushenko



http://en.wikipedia.org/wiki/Yevgeny_Yevtushenko

Giancarlo Majorino



Giancarlo Majorino

è nato e vive a Milano da quaranta milioni di minuti circa.
Poeta e critico, insegna alla Nuova Accademia di Belle Arti di Milano. Tra
le opere di poesia, per gran parte raccolte in un “elefante” Garzanti
(Autoantologia , 1999), ricordiamo La capitale del nord (Schwarz 1959,
riedita nel 1994 dalle Edizioni dell’Arco, Milano); Lotte secondarie
(Mondadori, 1971); Equilibrio in pezzi (Mondadori, 1971); Sirena (Guanda,
1976); Provvisorio (Mondadori, 1984); Testi sparsi (Prova d’autore, 1988);
La solitudine e gli altri (Garzanti, 1990); Cangiante (Scheiwiller, 1991);
Tetrallegro (Mondadori, 1995); Le trascurate (Stampa ed. 1999); un libro
misto di prose e versi Ricerche erotiche (Garzanti 1986); un testo in prosa
con litografia di Alik Cavaliere Qui e altrove (a cura Upiglio, Fondazione
Floriani,1992). Più recentemente sono usciti Gli alleati viaggiatori
(Mondadori, 2001) e Prossimamente (Mondadori, 2004) – primo di un poema in
nove libri di poesia, prosa, extrascritti. Dei suoi lavori critici
ricordiamo tre antologie Poesie e realtà ‘45-’75 (Savelli, 1977); Centenni
di letteratura (Liviana, 1984); Poesie e realtà 1945-2000 (Marco Tropea,
2000), un testo riflessivo Passaggi critici (Coop. Ed. Punti di mutamento,
1984). E’ stato cofondatore e redattore responsabile della rivista culturale
Il corpo, della rivista Manocomete e cofondatore e direttore della rivista
di poesia Incognita. Tradotto in inglese, francese, russo, spagnolo, figura
in più antologie straniere; suoi testi e saggi interpretativi sono apparsi
sulle più importanti riviste italiane e su alcune riviste straniere.
Numerosi i suoi testi teatrali, più volte rappresentati.

Amos Mattio



Amos Mattio

,

nato a Cuneo nel 1974, vive a Milano, dove si occupa di consulenza editoriale, di insegnamento e di comunicazione. Dal 2008 è segretario della “Casa della Poesia” di Milano.

Nel 2004 il suo primo volume di versi, "Bestie e dintorni" (premio Lietocolle Opera Prima, menzione al Premio Montano 2005).

È presente nelle antologie “Almancco dello Specchio 2010-2011” (Mondadori, 2011), "Nuovissima Poesia Italiana" (Mondadori, 2004, curata da M. Cucchi e A. Riccardi), "Orchestra di poeti" (Lietocolle, 2007 a cura di M. Cucchi), “Le avventure della Bellezza” (Arcipelago, 2009, a cura di T. Kemeny), e su riviste (Astolfo, Controcorrente, Ulisse).

È stato tra i vincitori del premio Cetona Verde per la poesia 2007, e vincitore nella categoria inediti del Concorso  Poesia  Giovane 2009 di Fiume Veneto.

Dalla collaborazione con altri artisti sono nati i testi narrativi per i volumi fotografici "Norge" (2003) e “ll sogno è di chi sogna" (2007), l'allestimento del recital di poesia e musica "Bestie e dintorni" (2007), e il testo narrativo per l'evento tra parole, musica e immagini "Il fiocco magico" (Cuneo, 2008), diventato volume nel 2009.

È autore del romanzo “Luna di notte”(Gremese, 2012), candidato al Premio Strega 2012.

email: mattio@libero.it

Lorenzo Stoppa Tonolli


2014-07-19 18:44
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • © sanaalar.ru
    Образовательные документы для студентов.