.RU
Карта сайта

Giuseppe Gioacchino Belli - старонка 5


l'Ascensione discenda appositamente Gesó Cristo a cambiare in latte

l'umore acquoso delle spiche.

6. Accendiamo.

7. La sera della vigilia si attaccano dè sottili e cortissimi

moccoletti sul dorso di grossi scarabei domestici, e cantasi loro con

una monotona nenia: "Corri, corri, bagaróne, ché domani è

l'Assensione": e i poveri animaluzzi, sentendosi bruciare in questo

"auto-da-fè", corrono.

8. Le pie famiglie espongono un lampadario fuori dè balconi, per

illuminare la discesa del Redentore, al grande atto della

trasformazione dè frumenti.

9. Ai comignoli.

69.

UN CUADRO BBUFFO (1).

Chi è sto bbrutto vecchio caccoloso,

Che in logo de stà in pasce in zepportura,

Succhia co la bboccaccia er caporello (2)

De cuella donna, come una cratura?

Chi è sta vacca che nnun ha ppavura

De dà er latte a cquer pò dde bbambinello,

Che ppare er Merdoccheo de la Scrittura,

O, cquanno nun è llui, pare er fratello?

A mmé ppuro (3) me piasce sto succhietto;

Ma ppe cquanto me spremo in comprimenti,

Ggnisuna bbalia vò attaccamme (4) ar petto.

Cuello averà ccent'anni, io nnun n'ho vventi:

Er zuo sta bbasso, e 'r mio sarta (5) sur tetto:

Duncue? sarà er motivo de li denti.

Roma, 18 maggio 1833.

Mota 1. "La Carità Romana". * Soggetto frequentemente trattato nei

quadri dell'epoca. Esso raffigurava il famoso episodio della donna

romana che attraverso le sbarre del carcere porge il seno al vecchio

padre, condannato per debiti a morir di fame in prigione, e lo nutre

del proprio latte.

2. Capézzolo.

3. Pure.

4. Attaccarmi.

5. Salta.

70.

LA DONNA GRAVIDA.

O sii femmina o mmaschio, o bbello o bbrutto

Farò cquer che vvorà Ddio nipotente,

Bbasta sii san'e llibbero: ecco tutto.

Der resto nun m'importa un accidente (1).

Nun c'è stato che un caso assciutt'assciutto (2)

De sapé pprima d'èsse (3) partorente

S'era omo o ddonna er benedetto sfrutto

Der tù ventr' e ttu Jèso (4). Ma la ggente,

Che vvò ffà in oggni cosa l'indovina,

Protenne (5) da la forma de la panza

De travede si (6) cc'è ggallo o ggallina.

Nun ce potrebbe stà una misticanza

D'un passeretto e dd'una passerina

Da fà ttra llòro un'antra (7) gravidanza?

30 maggio 1833.

1. Nulla.

2. Solo solo. * Sporadico.

3. D'essere.

4. Il "benedictus fructus ventris tui Jesus".

5. Pretende.

6. Se.

7. Altra.

71.

L'ABBORTO.

A Ssasp¡rito in Zassi (1), in d'un boccione

Pien d'acquavita de le sette peste (2),

Sc'è a mmollo una cratura co ddù teste,

Come che ll'arma der ministro Appone (3).

Er cerusico nostro de l'urione (4),

Che ste fotte (5) le spiega leste leste,

M'ha ddetto ch'è un buscèfolo (6), e cche cqueste

Sò ccose che cce vò la spiegazzione.

Abbasta, dico, o ssii scefolo (7) o ttonno,

Vojjo vede (8) ar giudizzì univerzale

Co cquanti nasi ha da rinassce (9) ar monno.

Si n'ariporta dua, bber (10) capitale

Da paradiso! e ssi uno, er ziconno,

Dico, indove arimane, a lo spedale?

17 ottobre 1833.

1. A Santo Spirito in Sassia, uno degli ospedali di Roma.

2. Cioè "rettificata", alcool. * Delle sette pèsti; come le sette

piaghe, i sette flagelli. L'espressione, dal suo senso calamitoso è

poi passata a un generico significato per cosa ingente, che stupisca,

come "tibbi". "Ce ne sò le sette pèste" è modo ancor oggi usato da

qualche vecchio romano ed equivale a «Ce n'è grande quantità». In una

tenuta alle porte di Roma dov'è abbondanza d'acque sorgive, ho sentito

dire dal proprietario: "Qui, d'acqua ce ne sò le sette pèste".

3. Il conte Appony, già ambasciatore austriaco presso la Santa

Sede.

4. Del rione. Ogni rione di Roma ha medico, chirurgo e farmacia,

per gratuito soccorso dè poveri infermi.

5. Queste materie. * Detto con aria incredula e di scherno,

quasi: «Queste balle, queste panzane».

6. Bicefalo.

7. * Cefalo.

8. Vedere.

9. Rinascere.

10.

72.

LA PORTA DE RETO (1).

Er Papa tiè (2) una scerta portiscella

Pe ddove verzo sera un par de spie

Je (3) vanno a rrescità le lettanie

E a sputasse (4) pormoni e ccoratella.

Ll¡ jje bbutteno ggiù 'ggni marachella (5)

De teatri, caffè, ccase, ostarie...

E, mmezze verità, mmezze bbusc¡e,

Ciànno (6) sempre da d¡ cquarche storiella.

Ecco da che ne nassce quarche vvorta

Che tte vedi li zzaffi (7) a la sordina:

E' ttutto pe vvertù dde quella porta

E cchi ssò (8) ste dù spie? Vall'a indovina (9),

Oggni lingua oggid¡ cche nnun zii (10) morta

Pò èsse (11) un de le dua che tte cuscina. (12)

20 ottobre 1833.

1. Di dietro.

2. Tiene.

3. Gli.

4. Sputarsi.

5. Ogni pecca.

6. Ci hanno.

7. Birri.

8. Sono.

9. Vallo a indovinare.

10. Non sia.

11. Può essere.

12. Ti cucina. A chi però fosse curioso di conoscere le due spie

del Papa (Leone Dodicesimo), diremo che erano il signor Gianfrancesco

Cecilia e il signor Calderari, l'uno colonnello e l'altro luogotenente

dè carabinieri.

73.

LI SOFFRAGGI.

Quanto me (1) fanno ride (2) tant'e e ttanti

Co le sù divozzion de doppo morte!

E llimosine, e mmesse, e llumi, e ccanti,

E llasscite, e indurgenze d'oggni sorte!

Nun hanno fatto mai ccus¡ li santi.

Bbisoggna in vita emp¡ssele le sporte.

Er bene, si lo vòi (3), mànnel' avanti (4)

A ffàtte (5) largo e spalancà le porte.

Sapete Iddio de llà ccosa v'intòna

Quanno er bene sciarriva pe ssiconno (6)?

«Annate (7) via, canajja bbuggiarona,

La rrobba vostra me la date adesso,

Perché l'avevio (8) da lassà in ner monno,

E nnun potevio (9) strascinalla appresso.»

31 ottobre 1833.

1. Mi.

2. Ridere.

3. Se lo vuoi.

4. Mandalo avanti.

5. A farti.

6. Ci arriva per secondo.

nota 7. Andate.

8. Avevate.

9. Potevate.

74.

ER POVERO LADRO.

Nun ce vò mmica tanto, Monziggnore,

De stà ll¡ a ssede (1) a ssentenzià la ggente

E dde d¡ (2): "cquesto è rreo, quest' è innoscente".

Er punto forte è de vedejje er core.

Sa cquanti rei de drento hanno ppiù onore

Che cchi de fora nun ha ffatto ggnente?

Sa llei che cchi ffa er male e sse ne pente

E' mmezz'angelo e mmezzo peccatore?

Io sò (3) lladro, lo so e mme ne vergoggno:

Però ll'obbrigo suo sar¡a de vede (4)

Si (5) ho rrubbato pe vvizzio o ppe bbisoggno.

S'aver¡a (6) da cap¡ cquer che sse (7) pena

Da un pover'omo, in cammio (8) de stà a ssede

Sentenzianno la ggente a ppanza piena.

21 novembre 1833.

1. Di star lì a sedere.

2. E di dire.

3. Io sono. Il "lo so", che segue poco appresso, è del verbo

"sapere".

4. Sarebbe di vedere.

5. Se.

6. S'avrebbe.

7. Quel che si.

8. In cambio.

75.

LA FAMIJJA SUR CANNEJJERE (1).

Chi vvò cconossce (2) er fior de le famijje,

Entri a rrifasse (3) l'occhi in sto portone,

E vvienghi a vvede (4) a ccasa der padrone

Si cche ffrega (5) d'argenti e dde mobbijje.

Cqua ggiojje pe la mojje e ppe le fijje:

Cqua parchetti a la Valle e a Ttordinone (6):

Cqua vviaggj e scampaggnate oggni staggione

Cqua ccavalli da sella e dda parijje.

E rrifreschi, e accademie, e ttavolini

Co li ppiù mmejjo ggiochi der paese,

Dove nun curren' antro (7) che zzecchini.

Inzomma tra sti sfarzi e ttra ste spese

S'ha da stà ppe ccap¡ cquanti quadrini

Pò avé un Mastro-de-casa d'un Marchese (8).

9 gennaio 1834.

1. In auge, in grandezza.

2. Chi vuol conoscere.

3. A rifarsi, a ristorarsi.

4. E venga a vedere.

5. Se che quantità.

6. La Valle e Tordinona, primi teatri di Roma.

7. Non corrono altro.

8. Abbiamo in Roma fra gli altri un luminoso esempio di questa

verità. Un signor Patrizi maestro di casa del Principe Chigi, e

addetto anche al Duca Braschi, è stato accusato e convinto da

quest'ultimo di furti vistosi. Ma il signor Patrizi ha danari e bbelle

(sic) figlie, potentissimi avvocati nella Romana Corte.

76.

LI BBECCAMORTI.

E cc'affari vòi fà? ggnisuno more:

Sto pò d'aria cattiva è ggià ffinita:

Tutti attaccati a sta mazzata vita...

Oh vvà a ffà er beccamorto con amore!

Povera cortra (1) mia! sta ll¡ ammuffita.

E ssi (2) vva de sto passo, e cqua er Ziggnore

Nun allùmina un pò cquarche ddottore,

La profession der beccamorto è ita.

L'annata bbona fu in ner disciassette (3).

Allora si, in sta piazza, era un ber vive (4),

Ché li morti fioccaveno a ccarrette.

Bbasta...; chi ssa! Mmatteo disse jjerzera

C'un beccamorto amico suo je (5) scrive

Che cc'è cquarche speranza in sto collèra.

18 marzo 1834.

1. Coltre.

2. E se.

3. Nel 1817, anno del tifo petecchiale.

4. Era un bel vivere.

5. Gli.

77.

ER MERCATO DE PIAZZA NAVONA.

Ch'er mercord¡ a mmercato, ggente mie,

Sce ssiino ferravecchi e scatolari,

Rigattieri, spazzini (1), bbicchierari,

Stracciaroli e ttant'antre marcanzie,

Nun c'è ggnente da d¡. Ma ste scanzie

Da libbri, e sti libbracci, e sti libbrari,

Che cce vienghen' a ffà? ccosa sc'impari

Da tanti libbri e ttante libbrarie?

Tu ppijja un libbro a ppanza vòta, e ddoppo

Che ll'hai tienuto pe cquarc'ora in mano,

Dimme (2) s'hai fame o ss'hai maggnato troppo.

Che ppredicava a la Missione er prete?

«Li libbri nun zò rrobba da cristiano:

Fijji, pe ccarità, nnu li leggete.»

20 marzo 1834.

1. Venditori di minuti oggetti, per lo più pertinenti al

vestiario muliebre, o ad à loro lavori.

2. Dimmi.

78.

ER TESORIERE BBON' ANIMA (1).

Monziggnor Tesoriere ch'è ccrepato,

Quanno stava a la stanga der timone (2)

E mmaggnava su ttutte le penzione (3),

Le gabbelle, l'apparti e 'r mascinato (4);

Volenno (5) fà una bbona confessione

(Ché da un pezzo nun z'era confessato)

Se n'aggnede (6) da un prete sganganato (7)

Drent'in ne l'Oratorio a la Missione (8).

Mentre sputava li sù rospi, in chiesa

Sce se trovava un povero cristiano

C'aveva avuto un torto in ne l'Impresa (9).

Come st'omo che cqua (10) vvedde (11) er gabbiano (12)

Der confessore co la mano stesa,

«Nu l'assorve (13)» strillò: «fferma la mano!»

24 marzo 1834.

1. Il Tesoriere morto. Fu realmente monsignor Belisario

Cristaldi, e l'altro suggetto di cui qui sotto si parla, un tal

Baracchini.

2. Alla direzione degli affari.

3. Pare che l'egregio prelato, a sentimento del nostro Romanesco,

volesse far rivivere il "Date obolum Belisario". Noi non siamo del suo

maligno avviso. Crediamo però che se veramente l'antico Belisario andò

orbato degli occhi del corpo, il nuovo non godesse di què della

mente.

4. E il macinato: dazio sulla macinatura del frumento.

5. Volendo.

6. Se ne andò.

7. "Sgangherato", per "decrepito".

8. Nell'oratorio de Signori della Missione.

9. Quando si nomina assolutamente l'"Impresa", s'intende a Roma

sempre quella dè Lotti.

10. Semplicemente quest'uomo. Il "che qua", "che qui", sono

pleonasmi usatissimi dà Romaneschi.

11. Vide.

12. "Gabbiano", per "balordo, gocciolone": le "dupe" dè

francesi.

13. Non l'assolvere.

79.

L'INDURGENZE LITICATE.

Quanto a le carte poi de l'indurgenza

Ch'er Papa fa bbuttà ggiù ddar loggione (1),

Trattannose d'affar de riliggione

Nun ce vò un cazzo tanta conveggnenza.

Sar¡a bbella che ddoppo la pascenza (2)

D'aspettà un' or' e ppiù ssu lo scalone (3),

Quanno poi viè (4) vvolanno er cedolone

S'avessi d'acchiappà cco la prudenza!

Chi ppijja pijja: e ll¡ vvedi er cristiano:

L¡ sse scopre chi ha ffede e cchi ha rrispetto

Pe le sante indurgenze der zovrano.

Io so cc'a fforza de cazzott'in petto

E dd'èsse (5), grazziaddio, lesto de mano,

Sempre ne porto via quarche ppezzetto.

1 aprile 1834.

1. Dopo la benedizione papale. * Alla benedizione che i Papi

impartiscono dalla loggia di mezzo delle basiliche di S. Pietro, di S.

Giovanni in Laterano e di S. Maria Maggiore fa seguito la lettura, da

parte dei due cardinali diaconi, della formula dell'indulgenza

plenaria concessa agli astanti. Per rendere più materialmente

tangibile alla fantasia popolare la concessione dell'indulgenza, si

usava allora lanciare dalla loggia sul popolo, adunato di sotto, i due

fogli recanti la detta formula, uno in latino, uno in italiano. Ne

seguiva un parapiglia tra la folla: gli astanti si disputavano

violentemente i fogli che in quel tafferuglio venivano lacerati in

cento brandelli, ritenendosi che anche la minima «reliquia» di essi

conservasse lo stesso magico valore assolutorio.

2. Pazienza.

3. Lo scalone di S. Pietro o di S. Giovanni.

4. Viene.

5. Essere.

80.

ER ZIGGNORE E CCAINO.

«Caino! indov'è Abbele?» E cquello muto.

«Caino! indov'è Abbele?» Allora quello:
2014-07-19 18:44
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • Контрольная работа
  • © sanaalar.ru
    Образовательные документы для студентов.